Ciao benvenuto su skateboard.it
 
Login
Password
Login automatico:
Registrati
Dimenticato la password?
Testo:
  Notizie Store
Ultimi utenti registrati: Ameliaw2, Muz_DJ, amousajh, amousae0, ZiritexWesk,
Il Galva Bs K-grind
Vedi l'intera di Gianpy
Entra in MyGallery
Tra multe e polemiche chiude il Railway
11-01-2017 - articoli
di Luca Basilico
stampa
Quanti sono nuovi alla storia dello skateboarding Italiano conosceranno di certo il Railway Skatepark. Lo skatepark bresciano ospite di una moltitudine di eventi negli ultimi 8 anni è una bestia strana. Struttura tra le più famose della nazione è stata al contempo la piu costosa, la peggio realizzata e la meglio gestità che si sia vista nella penisola. Mettiamo un pò di ordine nella storia, così da capirci meglio qualcosa: 


La bowl del Railway demolita per salvare il salvabile l'anno prima dell'apertura
La Bowl più grande del Railway demolita per salvare il salvabile prima dell'apertura del 2007

Le voci a riguardo della costruzione di un nuovo mastodontico skatepark a Brescia si sono ricorse per l'intero primo lustro del secolo. La paternità del progetto in termini di "Design" è una questione avvolta nel mistero: pare siano in tanti ad aver contribuito a definirne le forme ma nessuno "ufficialmente" ne è responsabile.

 

L'intero iter della progettazione, scelta delle imprese coinvolte e realizzazione è stato avvolto dal "mistero" almeno fino a quando intorno al 2005. Momento in cui i lavori di  costruzione arrivarono al punto tale per cui fu evidente i disastro: Curve sbagliate, forme approssimative, errori incompatibili con la possibilità di utilizzare la struttura una volta ultimata. A quel punto i lavori si bloccarono ed i primi contenziosi furono aperti. 

Ivan Federico Killbowl 2009 ph. Luca Basilico

Ci vollero un paio di anni prima che in qualche modo, rabberciando gli errori commessi e rifacendo parte delle bowl si riuscisse ad arrivare al compimento dell'opera. Dotato spogliatoi, servizi igienici, vari locali comuni, spalti ed illuminazione l'opera finita pare sia costata intorno al 1.000.000 di Euro. Una cifra mai vista prima, e mai più raggiunta, quale spesa per una singola struttura in Italia.



Lo skatepark  più grande dello stivale sebbene a denti stretti era finalmente skateabile; serviva solo qualcuno che se ne prendesse carico e lo gestisse. Ci volle qualche tempo affinchè si trovasse una soluzione, infine furono i ragazzi di Frisco Shop a caricarsi del fardello di quello che sarebbe presto stato battezzato "Railway Skatepark".



Armati di entusiamo e della volontà di creare un riferimento per lo skateboarding cittadino. Senza avere mai avuto nessuna responsabilità nella realizzazione dello skatepark. Forti della propria esperienza di skater e dei contatti con la timida industria dello skateboarding nazionale. I ragazzi di Frisco Shop diedero il via alla gestione dello spazio tra l'Ottobre del 2007 (con il taglio del nastro) e la primavera seguente con la prima vera e propria apertura di stagione.




Attraverso un impegno continuo e continui investimenti per "migliorare il migliorabile" (dando allo skatepark anche un area street in cemento) la gestione Frisco ha permesso al Railway di divenire uno degli skatepark più in vista, attivi e frequentati della nazione. Non si contano demo, contest ed eventi di vario genere tenutisi in questi anni e vi basterà digitare su google "Railway Skatepark" per rendervene conto da soli.



A distanza di 8 anni dalla presa in carico della gestione, lasciati soli di fronte a mille difficoltà ed il progressivo degradamento della struttura, Frisco Shop e la sua ASD hanno deciso a rimettere il proprio mandato. A partire dallo scorso ottobre lo skatepark e chiuso e non paiono esserci i presupposti perchè riapra in primavera. A Brescia si è ripreso a Skateare in Piazza della Vittoria e le multe dei vigili, in mezzo a varie polemiche, sono tornate a fioccare.




Quale sarà il futuro del Railway è cosa incerta.. Forse sarebbe meglio radere al suolo le strutture e rifarlo da capo ma la questione non è certo semplice.

Una cosa è certa: tanto di cappello a Gianlu e Fede e quello che hano fatto per lo skateboarding bresciano in questi anni offrendo uno skateaprk pubblico, gestito e gratuito con un programma di eventi che nessuno nello skateboarding Italiano ha mai pareggiato. 

Support your local skateshop! Le vostre scelte quando comprate una nuova tavola o un nuovo paio di scarpe sono quelle che fanno la differenza.

 
Notizia precedente: To live and die in Trustever
Notizia succesiva: Jonathan Levin - Skateboarding is Fun Part


- Quindici: il nuovo video di Frisco Shop
- Simo Verona nel team Frisco!
- Fly Zone Opening Report
- Fly Zone Brescia: inaugura domani il nuovo park
- Nave Skate Plaza e FlyZone inagurano a Brescia
- Palermo ha uno Skatepark
- Italian Skateboarding a Malmo
- Vans Wild Card Video contest
- Blast the Big One 2017
- All the way down: Il video di Vans Italia
Testo: